Ultima modifica: 28 Aprile 2020
Home > Circolari > Atto di indirizzo al Collegio dei docenti per attivazione della didattica a distanza

Atto di indirizzo al Collegio dei docenti per attivazione della didattica a distanza

Indicazioni per i docenti.

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Istituto Comprensivo Statale “G. Cavalcanti”

Via Cavalcanti 11-20098 San Giuliano Milanese -Tel. 02 9848341

Codice fiscale: 80124230154-Codice scuola: MIIC8EM00Q-Codice fatturazione: UFEBXL

e-mail: segreteria@icscavalcanti.it ; miic8em00q@pec.istruzione.it- sito: www.icscavalcanti.it

 

San Giuliano Milanese, 28 aprile 2020

Protocollo n. 0001228 

 Al personale docente

Al sito

ATTO DI INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER ATTIVAZIONE DELLA DIDATTICA A DISTANZA

 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

 

Vista l’emergenza epidemiologica dovuta al COVID-19;

Visti  i DPCM emanati in conseguenza dell’emergenza epidemiologica;

Visto il DPCM del 4 marzo 2020 in modo particolare l’art. 1 lettera g) nel quale è previsto che “i Dirigenti Scolastici attivino, per tutta la durata della sospensione delle attività didattiche nelle scuole, modalità di didattica a distanza avuto anche riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità”;

Vista la nota MIUR prot. 388 del 17.03.2020 avente per oggetto “emergenza sanitaria da nuovo Coronavirus. Prime indicazioni operative per le attività didattiche a distanza” ;

Visto il D.P.R. 275/1999 “Regolamento in materia di autonomia delle Istituzioni scolastiche”, ed in particolare gli artt. 3, come modificato dalla legge n.  107/2015, 4 e 5, comma 1;

Visto il D.Lgs n. 165 del 2001 e s.m.i ;

Visto il PTOF;

Richiamate  le circolari emanate per l’attivazione e la prosecuzione delle attività di didattica a distanza durante tutto il periodo di emergenza epidemiologica;

Considerati i risultati dell’indagine rivolta ai genitori per verificare la disponibilità di dispositivi, linea internet per le attività di didattica a distanza e difficoltà nell’utilizzo della stessa;

Vista  la normativa vigente;

Considerato il DPCM del 26.04.2020 che sancisce la non ripresa delle attività didattiche in presenza per il corrente anno scolastico;

 

 EMANA

IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

 

a completamento delle circolari e delle indicazioni già fornite nei mesi precedenti, per la realizzazione delle attività di didattica distanza, al fine di assicurare elementi di coerenza all’azione didattica e di coordinamento dei diversi interventi didattici. 

Le condizioni per le attività di didattica a distanza, nella attuale situazione di emergenza, non possono prescindere dal considerare il possesso di strumentazione e di specifiche competenze di cui dispongono i docenti e gli alunni,  ma anche dall’età degli alunni e dalla loro possibilità di partecipare/ricevere i materiali in termini di strumenti e di connettività. 

 È necessario che:

– i docenti e il  Consiglio di Classe verifichino e tengano conto delle difficoltà segnalate dai genitori e nel caso individuare modalità operative adeguate, ricercare possibili soluzioni specifiche, anche al fine di non discriminare parte dell’utenza, facilitando al contempo la restituzione delle  attività /compiti con modalità semplici , accessibili e  non impegnative per le famiglie; 

–  i docenti provvedano a  progettare delle specifiche sessioni di lavoro in modalità sincrona, singole lezioni o una serie di lezioni tenendo conto di vincoli spazio-temporali, dei tempi di attenzione, di apprendimento e motivazione degli studenti, ed evitino di sovrapporsi con i colleghi;

–  i docenti organizzino  il lavoro didattico per le singole classi con le indicazioni fornite con le precedenti circolari e con il presente atto di indirizzo;

–  i docenti di sostegno, in raccordo  con i docenti curricolari, provvedano a progettare e attivare proposte di attività didattiche personalizzate  per gli alunni DVA loro assegnati, avendo cura di informare, attraverso il registro elettronico, le rispettive famiglie. Per casi particolari, si raccomanda ai docenti di  sostegno di individuare modi di sicura e verificata efficacia per comunicare con i loro alunni, mantenendo con essi un contatto costante e di supporto;

– i docenti, per ambito disciplinare, provvedano a RIMODULARE  gli obiettivi, RIVEDENDO le progettazioni disciplinari e interdisciplinari per adeguarle alle  mutate condizioni operative dovute all’emergenza da COVID-19.  Con la rimodulazione cui è tenuto ogni docente occorre riprogettare in modalità a distanza le attività didattiche, evidenziare i materiali di studio e la tipologia di gestione.

Le  programmazioni relative al periodo di sospensione, rimodulate e adeguate al nuovo strumento della DAD, vanno  ‘registrate’, insieme alla attività svolta,  sul registro elettronico.

 Si ricorda che è prassi in questa Istituzione Scolastica progettare e lavorare per classi parallele ed anche in questo momento contingente diventa funzionale, per i docenti e gli alunni, continuare a mantenere il confronto e la condivisione. 

Si ricorda infine che deve essere superata la mera trasmissione dei materiali o la mera assegnazione di compiti che non  sia preceduta  da una spiegazione relativa ai contenuti in argomento o che non preveda un intervento  successivo  di chiarimento o restituzione, in quanto priva  di elementi che possano sollecitare l’apprendimento.

Come ha evidenziato  anche il decreto ministeriale, la didattica a distanza non si assolve con l’invio di semplici pagine, ma attraverso presentazioni, spiegazioni e approfondimenti di vario genere dell’argomento trattato e quant’altro ritenuto necessario.

 

 Le docenti di scuola dell’infanzia continueranno ad attivare in maniera condivisa e collegiale , ove possibile, esperienze di didattica per fasce di età.

 

Considerato che la nota MIUR  n°279 dell’ 8 marzo 2020, recita: “la normativa vigente (DPR 122/09, D. Lgs. 62/17), lascia la dimensione docimologica ai docenti” e tenuto conto della complessità dell’atto valutativo, della straordinarietà del momento e della sperimentazione, da parte dei docenti e degli alunni,  delle nuove procedure di didattica a distanza, la valutazione degli studenti sarà formalizzata solo in seguito a indicazioni precise da parte del ministro con decreto apposito: al momento, si suggerisce la registrazione dei voti tenendo in considerazione tutti gli elementi in cui si articola la valutazione formativa, riscontrati durante il periodo di sospensione delle attività didattiche (partecipazione alle attività di didattica a distanza, restituzione degli elaborati, partecipazione attenta, interessata, responsabile e collaborativa alle attività proposte, processi attivati).  

 

Si invitano i docenti, i consigli di classe/interclasse/intersezione  ad attenersi al presente atto di indirizzo.

                                                                                                                                        

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

 Prof.ssa Stefania Ruberto

Firmato ai sensi dell’art.3 c.2 D.lgs 39/93